nuove-immagini-a-colori-di-caronte-luna-di-plutone-studio-infocus-fotografo-commerciale-roma-copertina

Quando alziamo gli occhi al cielo siamo sempre portati a guardare l’infinito che abbiamo davanti chiedendoci: “Cosa ci sarà la fuori?”. Spesso la fantasia ci accompagna in questi viaggi, ma ci sono volte in cui grazie ad una immagine riusciamo davvero a vedere i confini del nostro sistema solare. Ecco Caronte, la luna di Plutone.

Sono passati quasi tre mesi da quel 14 luglio 2015 che ha tenuto la comunità scientifica e tutti gli appassionati di astronomia con il fiato sospeso (e sono passati anche quasi tre mesi dal mio matrimonio dello scorso 12 Luglio 2015, una bellissima coincidenza!), quando la sonda New Horizons dopo un viaggio durato nove anni e mezzo ha raggiunto Plutone per un incontro durato solamente 22 ore.

new-horizons-approaching-pluto-studio-infocus-roma-rome-commercial-photographer

Le prime immagini distribuite al pubblico hanno lasciato tutti a bocca aperta, consentendo per la prima volta di posare lo sguardo umano su un mondo che non era mai stato visto così bene nella storia dell’intera umanità. Il potere della fotografia è anche questo.

nasa-pluto-images-from-new-horizons

nasa-pluto-surface-features-9-11-15

Ieri la NASA ha rilasciato ufficialmente anche le prime immagini a colori di Caronte, la luna di Plutone che accompagna il piccolo pianeta nel suo lento e lungo viaggio ai confini del sistema solare.

nasa-new-horizons-pluto-charon-4

Una delle caratteristiche geologiche che più hanno colpito di Caronte è un gigantesco canyon che attraversa l’intera superficie di questo mondo alieno e che, in proporzione, è circa quattro volte più lungo del Gran Canyon in Arizona e fino a due volte più profondo in diversi punti.

nasa-new-horizons-pluto-charon-1

Per chi si chiedesse cosa significhino queste immagini, sappiate che ogni immagine di Plutone e Caronte che abbiamo visto fino ad oggi erano riproduzioni artistiche o ammassi informi di pixel come quello che vedete qui in basso:

nasa-pluto-older-photograph-pixelated

Un bel salto in avanti, non vi pare? 🙂

La fotografia, sia essa di reportage, fine-art, commerciale, di matrimonio o scientifica, è sì uno strumento del sogno e dell’immaginazione, ma è anche e soprattutto uno strumento che consente di raccontare storie. Storie che, a volte, provengono davvero da un altro mondo.

Voi cosa ne pensate di queste immagini? Fatecelo sapere lasciando un commento qui in basso oppure mettendo “Mi piace” alla nostra pagina Facebook e partecipando alla discussione sulla nostra bacheca.

Alla prossima e ricordate di… Rimanere inFocus!!!

NOTA: Tutte le immagini riprodotte sono di proprietà della NASA

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per non perdere nessuno dei nostri articoli e per essere subito informato di tutte le nostre attività e delle promozioni in corso!

*Detestiamo lo spam come te e, per questo, proteggiamo attentamente i tuoi dati.

About the author

Daniele

Daniele, da sempre appassionato di fotografia e di tutto ciò che vola, insegue le sue passioni conseguendo una laurea in ingegneria astronautica ed esplorando sempre più a fondo l'universo fisico e quello fotografico, sperimentando e raccontando il mondo come lo vede attraverso la sua macchina fotografica.

  • La NASA fotografa I Pilastri della Creazione a 20 anni di distanza
    La NASA fotografa I Pilastri della Creazione a 20 anni di distanza
  • Come fotografare l’eclissi di Sole parziale del 20 Marzo 2015
    Come fotografare l’eclissi di Sole parziale del 20 Marzo 2015
  • Eclissi lunare di Aprile 2014: come fotografare la Luna Rossa
    Eclissi lunare di Aprile 2014: come fotografare la Luna Rossa